Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, X.djvu/170

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
164 ATTO SECONDO


Gismondo. Ecco fatto. Ecco il recapito chiaro e netto.

Traccagnino. Me fala un altro servizio? me dónela sto tirabusson?

Gismondo. Che cosa vorreste farne?

Traccagnino. Vorria cavar un occhio a quello che m’ha dito mezzan.

Gismondo. No, caro; questo serve per me. Tenete la lettera. Portatela dove va. Vedrete che il ricapito è in piazza dell’erbe. Non potete fallar, se volete. (Costui non mi conosce. Il carattere non è mio; io non sarò sospetto, e don Roberto passerà per autore di quella satira). (da sè, e parte)

SCENA II.

Traccagnino, poi Brighella.

Traccagnino. L’è mèi che vaga subito a portar sta lettera. El dis che la va in piazza delle erbe. Dov’èla mo la piazza delle erbe? La sarà in un qualche prà fora delle porte. Vardemo sel dis cussì. (vuol leggere) Oh bella! le parole rosse? Parole rosse a una vedua? Oh, sta lettera no ghe la porto più... Ma se no ghe la porto, cossa el dirà el patron? e se ghe la porto co sto rossetto, la vedua cossa dirala? Se le podesse spegazzar. (si prova) Tolè, adesso mo la carta l’è più rossa che mai. E meio che sto tocco de carta lo tira via. (strappa di dietro la lettera) Cussì va ben. Anderò a portarla... ma adesso mo no m’arrecordo dove che abbia da andar. No so se disesse in piazza del prà, o in tel prà dell’erba. Sia maledetto! Oh paesan, giusto ti.

Brighella. Coss’è, amigo? cossa gh’è de novo?

Traccagnino. Sat dove che staga quella signora che cerco?

Brighella. Se no so chi ti cerchi, no te posso dir dove che la sta.

Traccagnino. El prà dell’erba sat dove che el sia?

Brighella. Dei pradi con dell’erba ghe n’è de quei pochi.

Traccagnino. Ma la piazza del prà dov’èla?

Brighella. Ti vorrà dir la piazza delle erbe.