Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, X.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA DONNA DI TESTA DEBOLE 165

Traccagnino. Giusto quella. Sat dove che la staga de casa?

Brighella. La piazza delle erbe l’è in fondo de quella strada a man dretta.

Traccagnino. Te ringrazio, paesan.

Brighella. Avì qualche interesse da quelle bande?

Traccagnino. Gnente; un piccolo interessetto.

Brighella. Qualche letterina?

Traccagnino. Gran bergamaschi! Omeni suttili, speculativi.

Brighella. L’ho indovinada donca.

Traccagnino. Sigura.

Brighella. Anca sì, che so a chi la va sta lettera?

Traccagnino. Via mo?

Brighella. A una certa signora donna Violante Bisognosi.

Traccagnino. Va là, che ti ha tolto in tante pillole la digestion de Rosazio.

Brighella. Se pol véder sta lettera?

Traccagnino. Oibò.

Brighella. Gnanca al to paesan?

Traccagnino. Gnanca a me pader.

Brighella. Gnanca per servizio?

Traccagnino. Gnanca per carità.

Brighella. Pazenzia.

Traccagnino. Paesan, te saludo. (in atto di partire)

Brighella. Va là, va là; va a far el mezzan.

Traccagnino. Oh corpo del diavolo! a mi mezzan? Fin che me lo diga un napolitan, pazenzia; ma che me lo diga un bergamasco, no la posso inghiottir. Varda se son mezzan. (vuol misurarsi con lui)

Brighella. Sta in drio.

Traccagnino. Varda se son mezzan; varda dove te arrivo. Ti ti è un omo mezzan. E fra i Traccagnini de tutte le vallade de Bergamo, son traccagnotolo1, e no son mezzan. (parte)

  1. Traccagnolo, persona piccola e grossa, ben tarchiata: v. Boerio, Dizion.