Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, X.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA DONNA DI TESTA DEBOLE 171


tal giorno avermi da moltiplicare il divertimento con tutte due le cognate.

Violante. Amica, compatite s’io vengo a recarvi incomodo.

Aurelia. Voi mi onorate.

Violante. Honor est honorantis, dice il latino. Ma lasciamo le cerimonie, e permettetemi ch’io vi dica ...

Aurelia. Sedete, donna Violante.

Violante. Maxime.

Aurelia. Che dite?

Violante. Niente, niente. (Poverina! non intende), (da sè, siede) Permettetemi che io vi dica: mia cognata dov’è?

Aurelia. A me lo chiedete?

Violante. Cara amica, non mi fate parlare.

Aurelia. Anzi, se siete amica, non dovete tacere.

Violante. Ho veduto il servitor di don Fausto sulla vostra porta; gli ho chiesto se vi era qui il suo padrone, ed ei rispose: lo aspetto.

Aurelia. Bene, e per questo?

Violante. E per questo in buona argomentazione posso conchiudere: ergo donna Aurelia ha messo l’accordo.

Aurelia. Donna Violante, voi mi fate ridere.

Violante. Non rido io, donna Aurelia; non rido, perchè son tocca.

Aurelia. Tocca? da che mai?

Violante. La verità non la so nascondere. Amo don Fausto, e chi cerca rapirmelo è mio nemico, e chi vi coopera non ridebit.

Aurelia. Io non rido di voi.

Violante. Voi non intendete il latino. Ho detto, chi vi coopera non riderà.

Aurelia. (Oh quanto mi dispiace, che a questa scena non vi sia nessuno). (da se)

Violante. Credono, perchè io mi sono data alle lettere, che non veda, non sappia e non conosca le loro insidie: ma assicuratevi, donna Aurelia, che benchè io abbia

" Pien di filosofia la lingua e il petto;

saprò anche, occorrendo,

" Rotar la spada e insanguinar le mani.