Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/357

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

TERENZIO 345

ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.

Lisca e Damone.

Damone. Lisca, onor delle mense, quanto ch’io t’amo il sai;

Dar cibo a tutte l’ore a te non ricusai.
Solo alle cene è in uso chiamarsi i convitati;
Da pochi sono in Roma i pranzi praticati.
Mangiar tre volte al giorno, e quattro, se abbisogna,
S’ammette nella plebe, nei grandi è una vergogna.
Ma il tuo stomaco avvezzo a digerir di volo,
Dal mattino alla sera suol fare un pasto solo.
Lisca. Se per rimproverarmi rammenti ciò, Damone,
Del tuo nulla mi dai, la spesa è del padrone.
Damone. È ver, ma son quell’io... Basta, non vo’ dir questo.
Ti sono amico, il dissi, lo dico e lo protesto;