Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XI.djvu/427

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

TORQUATO TASSO 413

ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Torquato solo, al tavolino, pensando.

Muse, canore Muse, Amor, soave foco, (alzandosi)

Umile a voi mi volgo, voi nel grand’uopo invoco.
Ho gl’inimici a destra, che all’onor mio fan guerra:
A sinistra ho colei che co’ begli occhi atterra.
M’insidiano la pace, m’insidiano la vita:
Soccorretemi, o Muse, dammi, Cupido, aita.
Scrivasi. E che? si scriva contro un nemico audace.
No. Di colei si scriva, che mi tormenta e piace.
Che se torbida invidia m’affanna e m’addolora,
Conforto tu mi rechi, bellissima Eleonora.
A te finor non dissi, ch’io t’amo e ch’io sospiro:
Tacito nutro il fuoco, smanio, peno, deliro;