Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 151

Ch’aveva trenta soldi, che mi i aveva sunai1,

L’altro dì la parona la me li ha domandai.
Zanetta. E ti ghe sta?
Meneghina.  Son stufa. Vôi vegnir via de là.
Zanetta. Anca mi, te lo zuro, voggio andar via de qua.
Ho fatto in pochi zorni una vita da can;
Più tossego se magna, che bocconi de pan.
Gnente xe fatto ben, la cria, la me manazza.
E co la perde al zogo, allora la strapazza.
Meneghina. Distu dasseno?
Zanetta.  Credime. Za semo tra de nu.
No se ghe poi più viver.
Meneghina.  (No la me cucca più).
(da sè)
Zanetta. E cussì, cossa distu? Vustu vegnir co mi?
Femo una mascherada. Ti vegnirà anca ti.
Meneghina. E po se la parona me cria?
Zanetta.  Cossa te importa?
Quand’una se ne serra, se averze un’altra porta.
Case a nu no ne manca: se semo forestiere,
El letto lo gh’avemo dalla mettimassere.
Se staremo de bando2, qualcossa se farà.
Vien via, vien via con mi, che ancuo ti riderà.
Meneghina. Xe un pezzo che gh’ho voggia da rider un pochetto.
Zanetta. Ti riderà dasseno, se vien sior Anzoletto.
Meneghina. Chi xelo?
Zanetta.  Un certo putto. Ma senti, sta in cervello.
Varda ben che el xe mio. No me star...
Meneghina.  Xelo bello?
Zanetta. O bello, o brutto, siora, nol gh’ha da far con vu.
Meneghina. No digo...
Zanetta.  Adessadesso mi no te meno più.
Meneghina. Cossa gh’aveu paura? No son miga...

  1. Raggruzzolati.
  2. In ozio, disoccupate.