Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 155

Rosega.  Se fa una mascherada;

Vorria che la me dasse ancuo la mia zornada.
Costanza. Vardè che vecchia matta!
Rosega.  Vecchia matta, per cossa?
Fazzio gnente de mal?
Costanza.  Sè col piè in te la fossa.
Rosega. Cara siora parona, mi no so cossa dir;
Se la me dà licenza, me voggio divertir.
Raimondo. Chiede la sua giornata; negarla non si può.
Costanza. Ste cosse a mi me tocca... Mi ghe digo de no.
Rosega. Ben ben, co no la vol... co no la vol, pazienza.
Donca che la me daga la mia bona licenza.
Costanza. Donna senza giudizio. Cussi le so parone
Se impianta in sta maniera?
Raimondo.  Questa volta ha ragione.
Costanza. Donca no parlo più. La serva gh’ha rason.
Fe pur quel che volè: sentìu? lu xe el paron.
Per mi no conto gnente. Per mi no parlerò.
Pezo de una massera mi son stimada, el so.
Raimondo. Troppo rigor, signora...
Costanza.  Sì sì, troppo rigor!
Lo so che de custìa vu sè el so protettor.
So qualcossa, credèlo, e aspetto de parlar
Quando con fondamento me possa assicurar.
Rosega. Se el paron me vol ben, el sa el merito mio.
Xela fursi zelosa de mi e de so mario?
Costanza. Che mancheria anca questa. No fia, no son zelosa;
De vu no gh’ho paura, siora vecchia baosa.
Ma so... me xe sta dito... Basta, no vôi parlar.
Rosega. Ghe fazzio la mezzana?
Costanza.  Se poderave dar.
Rosega. Certo! me maraveggio che la parla cussì.
Se tendesse a ste cosse, la farave per mi.
E se ghe ne volesse, oh ghe ne troverave.
Son un poco in ti anni; ma no fazzo le bave.