Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158 ATTO SECONDO

Rosega.  Bisogna che la tasa.

Me despiase dasseno; ma a dirla tra de nu,
Fara ve anca per ela quel che fazzo per vu.
Raimondo. Ehi, non fate la pazza.
Rosega.  Oh, no v’indubitè,
Che no ghe xe pericolo; za savè chi la xe.
Raimondo. È ver, mia moglie è saggia a confusione mia.
Sol mi tormenta un poco con troppa gelosia.
Ma penso qualche volta... Basta, per or vogl’io
Pensare a divertirmi; ci siamo intesi, addio. (parte)
Rosega. Oh, la sarave bella, se se podesse far
Che el mio paron a tutti ne pagasse el disnar.
Za m’ha contà Zanetta la cossa dell’anello,
Anderemo d’accordo pelandolo bel bello.
Za l’è el nostro mistier far zo i nostri paroni,
E gòder el bon tempo a spese dei minchioni.
Son un poco vecchietta, ma ghe ne so assae più
De quel che mi podeva saver in zoventù.
Certo che posso dir d’averme devertio,
E circa el far l’amor, no ho gnancora fenio.

Fine dell’Atto Secondo.