Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 161

Biasio. Gnese, co la me vede un poco incocalio1,

La me dise: stè alliegro. Mo parlè, caro fio.
Se gh’ho qualcossa in testa, che me fa travaggiar,
Mo la me conta cosse che me fa sganassar2.
Zulian. Sentì la mia. La sera stemo nu soli al fogo,
Contemo delle fiabe, o femo qualche zogo.
La cusina i maroni3 ela co le so man,
Teneri co è el botirro, che i par de marzapan.
Biasio. Se sentissi le torte che fa la mia, m’impegno
No ghe xe le compagne. Mo che donna d’inzegno!
La le fa dolce dolce; de tutto la ghe mette,
E mi me devertisso a parecchiar le erbette.
Zulian. Sentì, la mia giersera un polpetton l’ha fatto,
Che ve zuro da amigo, s’averia magnà el piatto.
E ela, poverazza, a tola co fa i fioli,
La me zerniva4 fora l’ua passa e i pignoli.
Biasio. Mi i pignoli li schizzo; vu come li magneu?
Zulian. Mi li magno pulito.
Biasio.  Quanti denti gh’aveu?
Zulian. Cinque, tra sotto e sora.
Biasio.  E mi no ghe n’ho più.
Zulian. No gh’ho miga gnancora i anni che gh’ave vu.
Biasio. Quanti xeli, compare?
Zulian.  Mi ghe n’ho sulla schena...
Squasi cinquantacinque.
Biasio.  Co quelli della nena5.
Zulian. Mi no me ne vôi sconder.
Biasio. Presto el conto ve fazzo.
Ve recordeu, compare, de quell’anno del giazzo6.
Zulian. Sì ben, me l’arrecordo.
Biasio.  No gierimo puteli.
Zulian. Gierimo grandi e grossi.

  1. Incantato, stupido: vol. II, 205, 227 n. a ecc.
  2. Sbellicarsi dal ridere: v. Boerio.
  3. Caldarroste: v. Boerio.
  4. Sceglieva.
  5. Balia.
  6. Forse alludesi al rigido inverno del 1708.