Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 181

Costanza. Da mi! chi mai sarala?

Dorotea.  Una putta ben fatta.
Costanza. Sarà tredese mesi che gh’ho sta vecchia matta.
Dorotea. Giusto sarà cussì; par che andemo d’accordo.
Costanza. La me diga mo el nome?
Dorotea.  Oh, no me l’arrecordo.
Costanza. Cattina?
Dorotea.  O sì, Cattina.
Costanza.  Sarà tre anni e più.
Adesso che ghe penso, che no la sta con nu.
Dorotea. No, no la xe Cattina.
Costanza.  Betta?
Dorotea.  Me par de sì.
Costanza. Se la s’ha maridà, co l’è partìa da mi.
Dorotea. La diga, cara ela, chi gh’avevela in casa
Avanti de sta vecchia?
Costanza.  Cara ela, la tasa.
Sarìela una foresta.
Dorotea.  Giusto la xe foresta.
Costanza. Una piuttosto grassa?
Dorotea.  Siora sì, la xe questa.
Costanza. Questa che digo mi, la gh’ha nome Francesca.
Dorotea. Siora sì, siora sì.
Costanza.  Caspita, la sta fresca.
No fazzo per dir mal, contra la carità.
Ma po semo obligai de dir la verità.
Dorotea. La veda, no vorave torme una bissa in sen.
(Manco mal che sta volta la me xe andada ben).
(da sè)
Costanza. Mi ghe conterò tutto, con patto che la tasa;
Ogni dì se vedeva dei omeni per casa:
Chi giera so fradello, chi giera so zerman.
El vin feniva presto, presto feniva el pan.
Ho scomenzà a serrar. Sala cossa la fava?
La me metteva l’acqua, e el vin la me cavava.