Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 ATTO QUARTO

E l’ho chiappada un zorno in caneva1 bel bello

Con una piva in bocca sora de un caratello2.
Dorotea. Compagna de una mia che giera longa un deo,
E me svodava infina la bozza dell’aseo.
La me spiumava3 el brodo, e la se onzeva el pan
Col grasso de capon desfritto in t’un antian4.
Costanza. Eh! questo no xe gnente. No credo che se daga
Un’altra come quella. Sentì se la xe vaga.
Co la mandava in tola, de quel che se magnava,
A pizzego magnifico5 de tutto la robava.
L’andava drio dei zorni a far sta bella istoria,
E po le so cenette, e se fava baldoria.
Dorotea. La mia fava cussì: co gerimo a dormir,
In cusina la zente la se fava vegnir.
L’ho chiappada una sera sul fatto. L’indivina?
I giera quattro intorno a una gran polentina.
Gh’ho crià, gh’ho più dito de’ quei che l’ha nania6.
La me rideva in fazza.
Costanza.  Giusto come la mia.
Quando l’ho licenziada, gh’ho visita la cassa,
Gh’ho trova cento cosse, fina della ua passa.
Dorotea. E mi mo, che alla mia, quando gh’ho vardà drento,
Gh’ho trova in te la cassa un cortello d’arzento?
E cento mille volte l’ha zurà e sperzurà.
Che zoso per el buso della scaffa7 el xe andà.
Costanza. Siora, co ste massere no se sa quala far;
Adesso gh’ho una vecchia che me fa desperar.
No la sa, no l’è bona; se crio8, la se confonde.
Dorotea. Se sentissi la mia come che la responde.
E colle man in fianco, e con tanto de bocca:
E no vôi che i me diga, e no vôi che i me tocca.

  1. Cantina.
  2. Botte piccola: vol. II, 276 e Boerio.
  3. Spiumar, toglier la schiuma, o anche sceglier il meglio: v. Boerio.
  4. Tegame di terra cotta per friggere: Boerio. Nelle Lettere del Calmo è detto intian (v. ed. per cura di V. Rossi, Torino. 1888).
  5. Un poco per volta, bellamente. V. Patriarchi e Boerio (quest’ultimo alla voce picego).
  6. V. atto I, sc. 8, pag. 134.
  7. «Pila dell’acquaro»: Boerio.
  8. Grido, e sgrido.