Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1911, XII.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE MASSERE 191

Zulian. Tolè anca vu, caretta. (a Meneghina)

(Oh che fortuna granda!)
Biasio ghe n’ha una sola, e mi una per banda). (da sè)
Meneghina. (No ghe vegniva gnanca, se credeva cussì). (da sè)
Momolo. A mi no i me dà gnente? Oe, dèmelo anca a mi.
(a quel del caffè)
Anzoletto. Sì, dèghelo anca a èlo. Trattelo come va.
Za semo in compagnia. Qualchedun pagherà.
Zanetta. Pagherà sior Zulian.
Gnese.  No, pagherà sior Biasio.
Anzoletto. Patroni, che i se serva, che i paga pur.
Zulian.  Adasio.
Mi no gho dito gnente.
Biasio.  No ho parla gnanca mi.
Zanetta. Via, no ve fè nasar1. (a Zulian)
Gnese.  No ve scansè cussì. (a Biasio)
Biasio. Sior Zulian, vu ghe steu?
Zulian.  Per mi, son galantomo.
Podemo, se volè, pagar mezzo per omo.
Biasio. Pagar mezzo per omo? No la va ben. Sior no.
Mi gh’ho una donna sola, e vu ghe n’ave do.

SCENA VII.

Donna Rosega e detti.

Rosega. Patroni reveriti; ghe fazzo un repeton2.

Son anca mi con eli a far conversazion.
Biasio. Oe, l’amiga! (a Zulian)
Zulian.  Sì ben. (a Biasio)
Anzoletto.  Molto tardi, patrona.
Rosega. Tasi là veh, baron.
Anzoletto.  Son qua, la me bastona.

  1. V. atto II, sc. 2, p. 145.
  2. Riverenza, inchino profondo «ma dicesi per ischerzo»: Boerio. V. p. 172.