Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XV.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LO SPIRITO DI CONTRADIZIONE 147

Volpino.  Leviam la tavola. Non le badar.

(a Gasperina, portando la tavola dov’era prima)
Dorotea.  Canaglia.
Gasperina. La ringrazio, signora, del titol che mi ha dato, (parte)
Volpino. Son povero figliuolo, ma giovine onorato. (parte)
Dorotea. Tutti son miei nemici, tutti contro di me.
Anche la serva ingrata; ma so ben io il perchè.
L’esempio dei padroni rese quel labbro ardito.
Sì, di tutti i disordini è causa mio marito.
Egli seconda il padre per i disegni sui;
Voglio ch’ei me la paghi; mi sfogherò con lui.

Fine dell’Atto Secondo.