Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XV.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LO SPIRITO DI CONTRADIZIONE 149


ATTO TERZO.
SCENA PRIMA.
La Signora Dorotea ed il Conte Alessandro.

Dorotea. Tant’è, conte Alessandro; finor fui sofferente,

Finora in questa casa trattai placidamente.
Ma la dolcezza è inutile, e chiaramente io veggio
Che il simular i torti con questa gente è peggio.
Infin i servitori mi perdono il rispetto;
Quando di me si tratta, fan tutto per dispetto.
E se al signor Ferrante le mie doglianze io porto,
Darà ragione ai servi, e mi dirà che ho torto.
Conte. Chi è mai quell’insensato, chi è mai quell’uom da niente
Che a voi non dia ragione, sì saggia e sì prudente?
Seppi l’impertinenza che i servidori han fatto,
Non devonsi i ribaldi soffrire a verun patto.