Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1912, XV.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LO SPIRITO DI CONTRADIZIONE 163


ATTO QUARTO.
SCENA PRIMA.
Camera.
La Signora Dorotea ed il Conte Alessandro.

Dorotea. Conte, non so che dire; se favellare io v’odo,

Sentomi violentata far tutto a vostro modo.
Di perdonare ai servi mi avete insinuato;
Senza aspettar le scuse, io loro ho perdonato.
Col suocero e il consorte voi mi volete amica?
Quello ch’è stato, è stato. Il ciel li benedica.
Piace a voi di Cammilla che seguano i sponsali?
Seguano pure; io stessa farò i cerimoniali.
Siete contento ancora? ho da far più? chiedete.
Conosco il vostro merito, voi comandar potete.
Conte. Questa bontà di cuore autentica ancor più
La vostra impareggiabile dolcissima virtù;