Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Silvestra. A dirlo me vergogno.

Caro fio, un altro poco.
Nicolò. Eh, mi so el so bisogno.
Silvestra. Nicolò xe un bon putto. Xestu da mandar?
Nicolò. No vorla?
Silvestra. Via destrighete, cossa vustu aspettar?
Vedistu? presto presto mi me destrigo.
Nicolò. Brava!
Silvestra. Propriamente a star sola sento che me brusava.
Luca. Disè, siora Silvestra, ve piase Nicolò?
Silvestra. Se el fusse da par mio! Eh! el mio novizzo el gh’ho ( ’ ).
Bettina. (Proprio no fala stomego?) (a Lucietta)
Lucietta. (Via, no te ne impazzar).
(a Bettina)
Bettina. (Credemio che el la toga?) (a Lucietta)
Lucietta. (Mi no so, se poi dar).
(a Bettina)
Silvestra. Vedeu quante candele? mo no par bon cussi?
Tutto sto bel parecchio el xe fatto per mi.
Certo, siora Lucietta. Stassera se sposemo.
Prima se dà la man, e pò dopo ballemo.
Lucietta. Alla granda, alla granda.
Bettina. Mi me par impossibile.
Bortolo. (Se se fasse ste nozze, la saria ben godibile).
Felice. Cossa feu, Marinella? no ve sento a zittir.
Marinetta. Bevo el caffè.
Felice. Ho capio. Sta cossa ha da fenir.
Se xe sior Ferdinando disposto a maridarse.
Senza tanti brui (2) longhi, xe meggio destrigarse.
Ferdinando. Per me sono prontissimo.
Marinetta. Sior’amia xe disposta.
Silvestra. El s’ha da far sta sera; qua no ghe xe risposta.
Felice. Femolo co volè; ma me par de dover,
Che prima anca sior Luca lo gh’abbia da saver.
(1) Nell’ed. Zatta, per errore: et mio novizzo za lo gh’ho. (2) Brodi.