Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Felice. Frascona, mio mano gh’ha da magnar a casa.

Tonina. Cossa vienlo a marenda?
Felice. Diseghe che la tasa,
(a Marmetta)
Che debotto debotto...
Tonina. Cossa ghe xe de niovo?
Felice. E vu stè a casa vostra; no andè a magnar, sior lovoC).
(a Zanetto)
Marinetta. Tonina, abbi giudizio.
Tonina. Ma se...
Marinetta. Va via de qua.
Tonina. Ghe domando perdon. (a Felice)
Felice. Via via, v’ho perdona.
Perdoneghe anca vu; no femo che custla
Ne rompa sul più bello la pase e l’allegria.
Marinetta. Vien sior’amia e sior pare.
Felice. Adesso vien el bon.
Lasse che parla mi, no stè a far confusion.

SCENA III.

Silvestra, sior Luca e detti

Silvestra. Mio fradello xe qua, ma no l’intende gnente.

Se se averze la gola, e tanto fa, noi sente.
Luca. (Eh, l’ho sentia sta matta; ma no ghe voi badar.)
Se poi sentir de pezo! la se voi maridar). (da sè)
Felice. Sior Luca, semo qua per far un negozietto.
Luca. Cossa?
Felice. (El me fa crepar sto sordo maledetto!)
Nozze volemo far, quando che siè contento, (forte)
Luca. (Vardè, quando che i dise; co no vorria, ghe sento).
No capisso.
Silvestra. La dise, che mi me vói sposar.
(s’aiuta coi cenni)
(1) Lavo, lupo.