Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Bortolo. Se podemo sposar, za che gh’avemo i soni (0.)

Felice. Alla presta, alla presta. Deve la man, cussi.
(unisce la mano di Bellina e di Borialo)
Seu contenta?
Bettina. Sior sì.
Felice. Ve contenteu?
Bortolo. Sior sì.
Felice. Anca questa xe fatta.
Silvestra. E mi, povera grama?
Felice. Nicolò, dove xestu?
Nicolò. Mi son qua; chi me chiama?
Felice. Che sior Luca no senta, no vorria che el criasse.
Nicolò lo tioressi? (a Silveslra)
Silvestra. Mi sì, se i me lo dasse.
Nicolò. Grazie del bon amor; grazie, patrona bella.
Ella no xe per mi, e mi no son per ella.
Mi son un botteghier, questa xe per la prima;
E pò son troppo zovene, ella xe troppo grima (2).
(parie)
Silvestra. Sporco, sporco, carogna. No ha da passar doman.
Che gh’averò un no vizzo, e ghe darò la man.
So che m’avè burla, frascone, stomegose;
Lo so, siore spuzzette, che fè le morbinose.
Felice. No ghe bade, ballemo. (a Marinella)
Marinetta. Avanti de ballar.
Con chi me favorisse el mio dover voi far.
Siori, le Morbinose ve avemo recita;
Ma no le sarà stae, come che ave pensa.
Qualchedun co sto titolo andando più lontan,
Fursi che el se aspettava più chiasso e più baccan.
Ma bisogna distinguer. Ghe xe le morbinose,
Ghe xe le donne allegre, e ghe xe le chiassose.
El chiasso xe da calle. In alto è l’allegria.
(1) « La musica, gli strumenti »: Cameroni. (2) € Vecchia grinzosa »: C. Musatti, 1. e.