Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/380

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Giacometto. Sior Lunardo ghe xelo?

Felippo. Se lo volè trovar,
Lo troverà in cusina.
Giacometto. In cusina? a che far?
Felippo. No saveu, poverazzo? el xe tanto impegna.
Che el vuol esser per tuto a veder quel che i fa.
Andreetta. Se vedessi che tola, che el ne fa parecchiar!
Giacometto. Ma tuti cento e vinti ghe poderemio star?
Andreetta. Tuti insieme. Gh’ è un portego, che el par fabbrica
a posta,
E vedere un parecchio, che no ghe xe resposta.
Fina i soni gh’avemo.
Giacometto. Bela conversazion!
Andreetta. E quel che se considera, tuto per un lionC).
Giacometto. Arriva un’altra gondola.
Felippo. Saveu chi ghe sia drente?
Andreetta. No so, no lo cognosso.

SCENA 111.

Arriva un’altra gondola, con dentro Lelio.

Giacometto. El xe guarnio d’arzento.

.Andreetta. El xe quel forestier, che va al Caffè del pomo (2),
Felippo. Chi l’averà invida?
Andreetta. No so da galantomo.
Giacometto. Lo saverà Lunardo. Elo gh’ha l’incombenza.
Lelio. Padroni riveriti.
Andreetta. Ghe fazzo reverenza.
Giacometto. Ne vienla a favorir?
Andreetta. Xela dei nostri?
Lelio. E qui
La compagnia famosa del desinar?
Andreetta. Sior sì.
(1) Un ducato. (2) Al caffè che per insegna ha una mela.