Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/386

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Catte. Co el ghe n’ha, poverazzo,

El me compra dei fiori, squasi ogni festa un mazzo.
Betta. Vardè che gran cazzada (’).
Catte. Cossa m’alo da dar?
Betta. Mi co fava l’amor, voleva da magnar.
Tuto me comodava, nose, pomi, zaletti (2),
Ma co no i dava gnente, musoni maledetti.
Anzoletta. Mi mo son sempre stada de un’altra qualità;
Co ghe n’ho bu, (3) ai morosi mi ghe n’ho sempre dà.
Mio sior pare all’ingrosso el fava provision,
E mi sempre qualcossa portava via in scondon.
M’arecordo una volta mia mare povereta
La m’ha trova un persalo sconto solo la pietà (4).
L’ha volesto saver... no so, mi m’ho confuso,
E la m’ha lassa andar una man in tei muso.
Betta. Oh, a mi mo per ste cosse, ve zuro in verità.
Che da mia siora mare no me xe mai sta dà.
In casa mia, sorela, no ghe xe sta vadagni.
Ma non ho mai volesto de quei che scalda i scagni.
Catte. Oe, vardè un’altra gondola.
Betta. No i ha fenio gnancora?
Anzoletta. No ghe xe miga un omo. Gh’ è drento una signora.

SCENA VII.

Arrìtìa un altra gondola, da dove sbarca siora Tonina.

Tonina. Sioria, pute.

Betta. Patrona.
Tonina. Saveu dove che sia
La casa, dove ancuo se magna in compagnia?
Anzoletta. Siora sì. La xe quela; ma no se poi andar.
(I) Vol. XIII. 306. Cazzada "cosa o latto di poco valore, e dicesi per disprezzo »:
Boerio. (2) Vol. 11, 444 e XIII, 303. (3) Bu. abù. abuo, avuto. (4) Un prosciutto
nascosto sotto la rimboccatura delle lenzuola.