Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/385

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Anzoletta. Oibò.

Catte. Ho sentio i soni.
Anzoletta. I voi magnar coi piffari.
Catte. Mo vardè che matoni (’)!
Betta. Figureve che roba che i gh’averà a disnar.
Pule, pule, diseme. Che li andemo a spionar?
Catte. Del disnar no ghe penso. Mi gh’ho gusto co i sona.
Betta. E quei boni bocconi? Oh povera minchiona.
Figureve che torte! a mi no me ne toca.
Me sento propriamente che me vien l’acqua in boca.
Catte. Se andessimo de su, no i ne daria qualcossa?
Anzoletta. Sì ben! andè dessuso! l’ave ben dita grossa.
Sti siori Veneziani subito i voi licar (2).
Betta. Cossa gh’aveu paura, che i ve voggia magnar?
Anzoletta. E pò, se no i voi done.
Betta. Oh poveri putei.
Se gh’andessimo nu, i se licherave i dei (3).
Anzoletta. Mi no ghe vado certo.
Catte. Oh gnanca mi, sorela. (4)
Anzoletta. I sarà più de cento.
Betta. Aseo! (3)
Catte. Una bagatela!
Betta. Se ghe ne cognossesse almanco qualchedun.
No vorave seguro che stessimo a dezun.
Anzoletta. Che ne cognosso tanti. Ghe xe sior Giacometo.
Catte. Quel che vien qua la festa?
Anzoletta. Sì ben, quel picoleto.
Catte. Una volta el voleva sempre parlar con mi.
Ma Toni xe andà in colera, e no ghe parlo pi.
Betta. Cossa gh’astu paura?
Catte. Se el savesse che parlo,
Povereta mai mi; no, no voi disgustarlo.
Betta. Te portelo mai gnente?
(I) Gran pazzi, giovialoni: v. Boerio. (2) Assaggiar qualche cosa: vol. VIII, 121
(3) Le dita. (4) Termine ageltuoso. (5) Vol. II, 109 e 257.