Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/393

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Toni. E per so siora mare?

Brigida. Che la ghe pensa eia. Za la gh’ha so compare.
Toni. Me par de sentir zente.
Brigida. Chi xe?
Toni. No so chi sia.
(guarda alla scena)
El xe un de quei siori che disna in compagnia.
Brigida. Cossa vorlo?
Toni. No so.
Brigida. No ghe disè chi son.
Toni. Mi no ghe digo gnente. Cossa vorla, patron? (a Lelio)

SCENA II.

Lelio e detti.

Lelio. Si può venir?

Toni. Sta usanza mi no l’ ho vista più.
El domanda se poi, quando che el xe vegnìi?
Lelio. Servidore umilissimo. (a Brigida)
Brigida. Serva.
Lelio. Mi par foresta.
Brigida. Sior no, son Veneziana.
Lelio. (Che bella donna è questa).
Toni. Se poi saver, patron?...
Lelio. Andava un po’a diporto.
Sono entrato qua dentro a passeggiar nell’orto.
Veduto ho la signora, e mi ho preso l’ardire.
S’ella me lo permette, venirla a riverire.
(inchinandosi a Brigida)
Brigida. Mi fa grazia (0.)
Toni. Signor, in casa mia
Non se vien dale done, che no se sa chi sia.
(1) Mancano al verso tre sillabe. L’ed, Zatta aggiunge: distinta.