Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/402

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Anca a mi qualche volta me piase sti bei visi,

Ma adesso voi andar a far Tcimor coi risi, (parte)
Tonina. Ande, che podiè andar, fin che ve chiamo indrio.
Giacometto. Anca mi veggio andar.
Tonina. La diga, sior mano?
Chi xela sta signora?
Brigida. Oh per diana de dia,
Deboto me vien caldo; chi credela che sia?
Tonina. So sorela no certo.
Brigida. Son zovene onorata,
E qua con so mano no vegno a far la mata.
No lo gh’ho gnanca in mente. De lu no so che far;
El so caro mano la se lo poi pelar (’). (parte)
Lelio. Lasciatevi servire. (in atto di seguitarla)
Ottavio. No, no; fate una cosa, (lo trattiene)
Pacificate in prima lo sposo con la sposa.
Voi dileguar potete tutti i sospetti suoi.
Se la signora è sola, la servirò per voi. (parte)
Lelio. (D’Ottavio non mi fido; voglio andar io con lei;)
Non vo’ che me la levi). Schiavo, signori miei, (parte)
Tonina. Chi èia quela petegola? (a Giacometto)
Giacometto. Zito, la xe contessa.
Tonina. Cossa m’importa mi, se la fusse duchessa?
Parlo con vu, sior sporco, che ve se andà a inventar
Che l’è vostra sorela.
Giacometto, Ho fato per buriar.
Tonina. Ai omeni ste burle in testa no le vien.
Quando che a so muggier dasseno i ghe voi ben;
Ma mio mario per mi noi gh’ha nè amor, nè stima;
El me fa de sti torti, e no la xe la prima.
Giacometto. (E no la sarà l’ ultima).
Tonina. Coss’ è? no respondè?
Giacometto. Cossa v’oi da responder? mi lasso che disè.
Se avesse da parlar, ve poderave dir,
( 1 ) Tenerselo attaccato: detto con disprezzo. V. Boerio.