Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/408

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA II.

Tonina e Betta nascoste dietro la portiera da uria parte, Brigida, Anzoletta e Catte dall’altra, volendo cedere alzano un poco la portiera, ora di qua e ora di là.

Giacometto. Oe, ghe xe de le done. (ad Andreelta)

Andreetta. Zito, che le ghe staga.
(a Giacometto)
Lelio. Vi son donne là dentro. (ad Ottavio)
Ottavio. Davvero? Oh questa è vaga!
Felippo. Cossa gh’è? coss’ è sta? Se vede a bulegar (’).
Per diana, le xe done, che ne vien a spionar.
Giacometto. Oe, la xe la Contessa. (ad Andreelta)
Andreetta. Ghe xe un’altra con eia;
Che la sia to muggier?
Giacometto. La sarave ben bela;
La xe monlada in barca; l’ho vista mi a montar.
No crederia che ancuo la volesse tornar.
(si Vedono a movere le portiere)
Felippo. La xe longa sta istoria. Dove xe sior Lunardo?
Ste done per adesso le ha abìi qualche riguardo;
No le poi star in strepa (2), le voi vegnir de filo (3).
(s’alza)
Adesso no se varda più tanto per sutilo.
El disnar xe fenio, podemo levar su.
Vorle vegnir a rider? Rideremo anca nu.
(tutti s’alzano e partono le parti mute)
Giacometto. Bravo Felippo, bravo.
Andreetta. Bravo da galantomo.
Felippo. Cossa credeu, patroni? Anca mi son un omo.
Benchè son in ti ani, me piase l’alegria,
E me voi devertir al par de chi se sia.
(1) Muoversi leggermente, brulicare: v. Patriarchi e Boerio. Vol. VIII, 146. (2) « Non
poter aver più pazienza, non potersi più contenere •: Patriarchi e Boerio. Strepa, mazza del
salcio o del vinco, che serve a legare. (3) Per fona, di &lo: Patriarchi.