Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/420

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA II.

Anzoletta e dette.

Anzoletta. Oe, no savè? Sta sera i vuol far un festin.

Catte. Baleremio anca nu?
Anzoletta. Poi darse un pochetin.
Betta. I darà anca da cena.
Anzoletta. Sì, ma nu no gh’intremo.
Betta. Quando che i dà da cena, qualcossa magneremo.
Catte. Mi me basta baiar.
Anzoletta. E mi gh’ho el mio dileto
A veder a fenir un certo negoziato.
Quela certa signora che no se sa chi sia,
I dise che la sposa un de sta compagnia.
Mi me par impussibile; ghe vederemo el fin.
Catte. Donca per le so nozze i farà sto festin.
Anzoletta. Poi esser.
Betta. Sì, seguro, e co ghe xe novizzi.
No ghe mancherà certo nè torte, nè pastizzi.

SCENA III.

Giacometto e dette.

Giacometto. Pute, bondì sioria.

Catte. Patron.
Giacometto. Bondì, fia mia. (a Catte)
Betta. (Oe, no ghe disè gnente, che so muggier ghe sia.)
La m’ha dito che tasa). (piano a Catte)
Giacometto. Coss’è? ghe parie in rechia?
Betta. No ghe posso parlar?
Giacometto. Eh, vu se volpe vechia.
Betta. Vecchia a mi?
Giacometto. Non intendo de parlar de l’età;
Digo che sè una dona, che el fato soo lo sa.
Betta. Certo no son minchiona.