Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/422

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Giacometto. Se disc.

Betta. Fene vegnir a veder, care le mie raise (’).
Giacometto. Perchè no? Vederemo.
Catte. Se vegno, vói baiar.
Betta. E se i dasse da cena, voggio anca mi cenar.
Giacometto. Se no i volesse done, come è sta stamatina?
Betta. Che i voggia anca sta sera sta bela secadina?
Senza done no i baia; co le gh’è, le ghe sta.
Sè tuti galantomeni, savè la civiltà.
Anzoletta. Che bisogno ghe xe, che s’abia da cenar?
Betta. Tasè là, cara vu, no ve ne stè a impazzar.
Giacometto. Basta, farò de tuto, perchè vegnì anca vu,
E se i altri no magna, faremo tra de nu.

SCENA IV.

Tonina e detti.

Tonina. Bravo, sior Giacometo. Me piasè in verità.

Giacometto. No sè andada a Venezia?
Tonina. Dasseno che son qua.
Giacometto. Cara siora Tonina, andemo co le bone.
Tonina. Tuto el di v’ho da veder a star co ste frascone?
Anzoletta. Come parlela, siora?
Catte. Frascone la n’ha dito.
Betta. A nualtre frascone? Cossa credela?...
Giacometto. Zito.
Betta. Chi credela che siemo?
Anzoletta. Semo zente onorata.
Catte. E no semo de quele.
Betta. E cusì no se trata.
Tonina. Co sta bela insolenza se parla a una par mio?
Feme portar respeto: tocca a vu, sior mario.
Giacometto. Voleu aver creanza? (alle Zuecchine)
(I) Rahe. radici. Vol. XIII, 319 ecc.