Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/427

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SCENA VI.

Betta, Catte, Anzoletta, Giacometto.

Betta. Le voi far le smorfiose, e pò co le ghe xe.

Le ghe sa star pulito.
Giacometto. Mi son solo, e vu tre.
A chi ghe daghio man?
Anzoletta. Cedo el logo ala puta.
(a Giacometto)
Catte. So caminar mi sola, senza che la me agiuta.
(a Giacometto)
Giacometto. Voleu vu, siora Beta? (a Betta)
Betta. Che el daga man a eia.
(accennando Catte)
Anzoletta. Che el serva la più zovene.
Betta. Che el serva la più bela.
Giacometto. Via, no ve fè pregar. (a Catte)
Catte. Za no andemo lontan.
(ritirando la mano)
Anzoletta. Cossa xe ste scamoffìe? (a Catte)
Betta. Eh, lasseve dar man. (a Catte)
Catte. No disè gnente a Toni.
Betta. No, noi lo saverà.
Giacometto. Andemo, puta bela. (dando mano a Catte)
Anzoletta. Oh per diana, el xe qua.

SCENA VII.

Toni e detti.

Toni. Come xela sta istoria?

Betta. Gnente, gnente, Tonin.
Semo anca nu con eia, la menemo al festin.
Toni. Cossa gh’intra sto sior?
Giacometto. Gh’ intro, perchè ghe son.
Anzoletta. Vardè ben che una puta sola no la par bon.