Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/430

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Anch’ei vorrebbe moglie, ma non si trova in stato.

Rovineria se stesso, la casa e i suoi parenti;
Tutti delle sue nozze sarebbero scontenti.
E la povera donna, che fosse sua consorte
Andrebbe ad incontrare una pessima sorte.
Brigida. Donca de far ste nozze perchè tratar za un poco?
Ottavio. Con un, siccom’ è Lelio, posso prendermi gioco.
Brigida. EI se poi devertir con chi ghe par e piase;
Che con mi el se diverta, xe ingiusto, e me despiase.
Che confidenza gh’alo, caro patron, con mi.
De scherzar, de vegnirme a minchionar cusì?
Lo so che el me cognosse, el saverà chi son;
E per questo me credelo qualche poco de bon?
Perchè ho canta in teatro, ho perso el mio conceto?
Nissun no m’ ha per questo da perder el respeto.
El teatro, la scena xe cossa indifferente.
Fa ben chi gh’ha giudizio, fa mal chi xe imprudente.
E non ocorre dir quelo xe un logo bruto.
Che ghe xe per le mate pericolo per tuto.
Cossa fale de mal quele che in mezzo a tanti
Riceve su le scene i amici e i diletanti?
Fa mal quele che in casa le visite riceve,
E el teatro e la casa confonder no se deve.
Vedo che tante e tante le gh’ha mile favori
Da dame e cavalieri, da prencipi e signori.
Vedo che in t’una corte a un public© servizio,
Se stima anca in teatro le done de giudizio.
Ghe xe del mal per tuto; in ogni profession.
In qualunque esercizio ghe xe el cativo e el bon.
Ma no poi el cativo chi è bon pregiudicar.
E no se poi dai pochi dei molti giudicar.
Ho canta, m’ave visto; ma me posso vantar.
Che de mi no ha podesto la zente mormorar.
E pur con tuto questo, savendo el pregiudizio
De sto nostro mistier, ho fato un sacrifizio.