Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1913, XVI.djvu/514

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lasciovi nel partir questo ricordo;

Se bramate del ben, fate del bene.
Che l’inferno ed il eie! non van d’accordo. (via)
Conte. Un’altra cosa aggiunger mi conviene:
Lamentarvi di ciò non siate (I) ardito.
Che pagherete dell’ardir le pene. (via)
Rigadon. Resto nel!’interesse e in cor ferito,
E non ho da parlar? che dite voi?
Parvi che sia ridotto a mal partito? (a Madama)
Un balletto formar possiam fra noi.
Madama. Con Ridolfo la danza a far mi appresso;
Egli la suona cogli affetti suoi.
L’anno della Befana è giunto presto;
Questi è il consorte mio, se noi sapete;
Io vi saluto, ed ei vi dica il resto. (via)
Ridolfo. Il resto che ho da dir, lo prevedete:
Preparate la dote alla germana.
Altrimenti per forza la darete. (via)
Rigadon. Oh caso inaspettato! oh sorte strana!
Mi abbandonano tutti. Or da me solo
Suonar posso, e cantar la chiarenzana.
Fortuna non si speri aver con dolo;
Chi semina fra i sterpi, il prun ricoglie.
Non produce cornacchia l’ussignolo.
Chi cerca d’arricchir coli’altrui spoglie.
Rimane al fin del ballo scorbacchiato;
Come fa il ballerin fra queste soglie.
O voi che avete l’animo inclinato
Al sentier di virtù, ch’ è di voi degno.
Ridete del Maestro corbellato;
E date a noi d’aggradimento un segno.

Fine della Commedia. (1) Neil" ed. Zatta: side.