Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158 ATTO PRIMO

Marta. Bisogna che ghe sia nato qualcossa.

Domenica. Sentiremo. Son curiosa anca mi.

Polonia. Gh’ho da parlar. (a Domenica)

Domenica. A mi?

Polonia. A ela.

Domenica. De cossa?

Polonia. De un no so che.

Domenica. Parlè, parlè liberamente. De siora Marta (la xe tanto bona) mi no gh’ho suggizion.

Marta. Se le voi parlar in secreto, le se comoda pur.

Domenica. Oh! giusto. Cossa gh’è? (a Polonia)

Polonia. Gh’ho da parlar dell’amigo.

Domenica. De sior Anzoletto?

Polonia. Giusto de elo.

Domenica. Mo via, parlè.

Polonia. Sala gnente siora Marta?

Domenica. Parie, ve digo; no abbiè suggizion.

Marta. Per so grazia, la m’ha dito qualcossa.

Polonia. Co l’è cussì donca, ghe conterò una bella novità.

Domenica. Che xe mo?

Polonia. Che xe? Che ho savesto de certo, e de seguro, che sior Anzoletto ha avù una lettera da Moscovia; che ghe xe dei testori italiani, che voi che ’l vaga là a far el dessegnador.

Domenica. Poveretta mi!

Marta. E elo, cossa diselo?

Polonia. El va.

Marta. El va?

Polonia. Ma siora sì, lu1, che ’l va.

Domenica. Lo saveu de seguro?

Polonia. Segurissimo.

Marta. Come l’aveu savesto?

Polonia. Ghe dirò... No vorave che ’l me sentisse.

Domenica. Eh! no v’indubitè, che nol ghe xe, no. E chi sa gnanca se ’l vien.

  1. Questo lu è un pleonasmo comune nel dialetto veneto.