Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 159

Polonia. Eh! el vien, el vien; e ’l pol esser poco lontan. Co ho passà el ponte de Canareggioa, l’ho visto sulla fondamentab in bottega de quel dal tabacco.

Domenica. Disè, contème. (mortificata)

Polonia. Ghe xe a Venezia una recamadora franzese, che vien da nu a tor dell’oro per recamar, che la va in Moscovia anca ela, e la m’ha contà tutto, e la m’ha mostrà la lettera, dove che i ghe scrive de sior Anzoletto, e la m’ha anca dito, che la va in Moscovia con elo.

Domenica. Come! Anca con una donna el va via?

Polonia. Oh! la xe vecchia, sala? La xe vecchia; la gh’averà più de sessant’anni. La xe madama Gatteau. La conossela?

Domenica. Sì, la conosso. Ho parlà con ela; la xe stada anca in casa mia.

Marta. Mo ve digo mo ben la verità, che ’l me despiase assae, ma assae.

Domenica. Eh! cara ela, la me ’l lassa dir a mi, che me depiase.

Marta. Dasseno me despiase anca a mi; perchè, in materia de drappi, la sa che ogni anno ghe vol delle novità; e lu, per dir quel che xe, per la nostra bottega l’ha sempre trova qualcossa che ha dà in tel genio all’universal.

Polonia. Zitto, zitto; el xe qua.

Domenica. Me vien voggia da darghe una strapazzada...

Polonia. No, cara ela, no la fazza scene. No la diga gnente che ghe l’abbia dito mi.

Domenica. Taserò fin che poderò.

Marta. La me lassa parlar a mi. (siedono)

Polonia. La prego de no me minzonarc, per amor de quella vecchia recamadora; che se la savesse, che raccolad che la xe!

  1. Canareggio o Canal-Regio, uno de’ sei sestieri di Venezia, nel quale abitano i tessitori, o fabbricatori di stoffe.
  2. Fondamenta in Venezia significa una strada lunga un1canale.
  3. Di non nominarmi.
  4. Che buona lana, che buona pezza.
  1. Ed. Zatta: sul.