Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/217

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 207

Momolo. Patroni, chi vol del figàa, se ne toga.

Polonia. De qua, dèmene una fetta a mi.

Momolo. A vu, fia mia? No solamente el figa, ma el cuor ve darave, el cuor. (a Polonia, dandole il fegato)

Madama. Ah! le bon morceau qu’est le coeur. (a Zamaria)

Zamaria. Cossa, fia? (a Madama)

Madama. Il cuore è il miglior boccone del mondo. (a Zamaria)

Zamaria. Ve piaselo? (a Madama)

Madama. Oui, molto mi piace il cuore; ma tutti i cuori non sarebbero il mio piacere. Il vostro, monsieur Jamaria, il vostro cuore mi potrebbe fare contenta. (a Zamaria)

Zamaria. Diseu dasseno? (a Madama)

Marta. Sior Zamaria, com’èla?

Polonia. Oe, me consolo, sior Zamaria.

Momolo. Le se ferma. (alle donne) Seguitè, compare, che mi intanto taggerò sto capon. (a Zamaria. Taglia un cappone, poi lo presenta)

Zamaria. Coss’è, male lengue? Cossa voressi dir? No se pol discorrer gnanca?

Bastian. Lasse che i diga, sior Zamaria; co capita de ste fortune, no le se lassa scampar. (ridendo)

Marta. Mo vardèli, se no i par do sposini! Se no i fa invidia alla zoventù!

Polonia. Eh! co gh’è la salute, i anni no i stimo gnente.

Bastian. I xe tutti dob prosperosi; el cielo li benediga, che i consola el cuor.

Zamaria. Disè quel che volè, che mi no ve bado. (Tendemo a nuc). (a Madama)

Madama. (On parle per rabbia, per rabbia). (a Zamaria)

Momolo. Che i se serva de cappon; co i s’averà po servio, taggieremo st’altro, se bisognerà.

Marta. Patroni: alla salute de chi se vol ben. (beve)

Madama. Je vous fais raison, madame, et que vive l’amour. (guardando Zamaria, e beve)

Zamaria. Evviva l’amor. (beve)

  1. Fegato.
  2. Tutti due.
  3. Badiamo a noi.