Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
208 ATTO TERZO

|

Bastian. Evviva sior Zamaria. (beve)

Polonia. Evviva madama Gatteau. (beve)

Madama. Vous me faites bien de l’honneur.

Momolo. Fermève. Alla salute del più bello de tutti; evviva mi; grazie alla so bontà. (beve)

Elenetta. Oh! alla salute de tutta sta compagnia. (beve)

Agustin. Alla confermazion del detto. (beve)

Lazaro. Alla salute de mia muggier. (beve)

Alba. Grazie. Alla salute de mio mario. (beve acqua, ridendo)

Lazaro. Co l’aqua me lo fe el prindese?

Alba. Con cossa? No saveu che no bevo vin?

Polonia. (In cusina la ghe n’ha bevù tanto de gottoa), (a Lazaro)

Lazaro. (Sì ben; per qualche volta el miedego ghe l’ha ordenà). (a Polonia)

Marta. Via, nol beve, sior Anzoletto? Portèghe un gotto de vin, che ’l fazza un prindese almanco.

Polonia. E ela, siora Domenica, no la beve? Via, portèghe da bever alla padroncina.

Domenica. No, no; no ve incomodè, che no bevo. (ai servitori)

Zamaria. Cossa fastu? No ti magni, no ti bevi, ti pianzi el morto. (a Domenica)

Domenica. Eh! caro sior padre, mi lasso che ’l se diverta elo.

Zamaria. Coss è? Cossa voressistu dir?

Domenica. Mi? Gnente.

Marta. Caro sior Zamaria, no vorlo che quella povera putta sia malinconica? El xe causa elo.

Zamaria. Mo per cossa?

Marta. El parla in t’una maniera, e po el se contien in t’un’altra. El ghe dà delle bone speranze, e po, e po... no digo altro.

Zamaria. Co gh’ho dà speranza, che la gh’abbia pazenzia.

Marta. E per cossa mettelo sti putti uno a Mestre, e l’altro a Malgherab?

  1. Un gran bicchiere.
  2. Mestre e Malghera sono due villaggi, distanti all’incirca un miglio l’uno dall’altro. Qui intende parlare della distanza in ui sono Angioletto e Domenica.