Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 209

Zamaria. Mo, cara siora Marta...

Marta. Mo, caro sior Zamaria... (con calore)

Momolo. Fermeve.

Bastian. Tasè, quieteve, no interrompè. (a Momolo)

Momolo. Lassè parlar i omeni.

Bastian. Lassè parlar mia muggier.

Marta. Gh’ho parlà mi a sior Zamaria; so quel che ’l m’ha dito a mi. (verso Bastian)

Momolo. La se fermi.

Bastian. Tasè.

Alba. (S’alza con impeto.)

Marta. Coss’è? Ghe vien mal?

Lazaro. Coss’è sta?

Alba. Ghe domando scusa; che i compatissa. Gh’ho tanto de testa. Mi in mezzo a ste ose no ghe posso star.

Lazaro. Voleu che anderno a casa?

Zamaria. Mo via, compare, mo via, siora comare, quieteve per carità.

Marta. La vaga là in tel posto de siora Domenica, che so mario no la stordirà.

Lazaro. Sì ben, vegnì qua. Se contentela? (a Domenica)

Domenica. Per mi, che la se comoda pur. (s’alza)

Alba. Mi son cussì; le me compatissa. Gh’ho una testa cussì debole, che la se me scalda per gnente. (parte dal suo posto)

Lazaro. Poverazza! la xe delicata. (a Polonia)

Marta. Anca mi voggio star arente de mio mario. (va a sedere presso Bastian.)

Bastian. Per cossa sta novità? (a Marta)

Marta. (Eh! tasè vu, che no savè gnente). (a Bastian, piano)

Domenica. Perchè no vala al so posto? (a Marta)

Marta. Perchè stago ben qua.

Domenica. E mi, dove vorla che vaga?

Marta. No ghe xe una carega voda? (accenna dov’ella era prima, presso Anzoletto.)

Domenica. Vorlo vegnir qua elo, sior padre? (a Zamaria)