Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Madama. Perdonnez moi, mademoiselle, monsieur votre pére ne me faira pas cette mcivilité. (a ’Domenica)

Domenica. Me senterò mi donca. (siede)

Zamaria. (Cossa oggio da far? Bisogna che gh’abbia pazenzia). (cedendo Domenica presso j^nzoletto)

Anzoletto. (Sia ringrazia el cielo!) (a Domenica)

Domenica. (Ghe son pò arrivada). (ad Anzoletto)

Anzoletto. (No podeva più).

Marta. Siora Domenica?

Domenica. Siora.

Marta. (Oggio fatto pulito?) (alzandosi davanti a Momolo)

Domenica. (Pulitissimo). (alzandosi davanti a Momolo)

Momolo. Vorle che ghe diga, patrone? che sto vegnir davanti dei galantomeni in sta maniera, no la sta ben, e no la par bon. Voggio ben esser tutto quel che le voi; ma gnanca per el so zogattolo (a) no le m ha da tor. (con faccia soda)

Marta. Coss’è? Seu matto? (a Momolo)

Domenica. Che grillo (è) ve xe salta? (a Momolo)

Zamaria. Momolo. Cossa xe sta? Cossa v’ali fatto?

Momolo. Caro sior Bastian, la me fazza la finezza de vegnir qua, perchè ste signore le me tol un pochetto troppo per man. (s’alza)

Bastian. Son qua, compare. No ve scaldè, perchè qua no ghe vedo rason de scaldarse. (s’alza dal suo posto, e va nell altro)

Marta. No me par d’averve struppià. (a Momolo)

Momolo. Le se ferma, che me xe passa, (sedendo presso ’Polonia,) e ridendo.

Marta. Spieghèmela mo. (a Momolo)

Momolo. Adesso ghe la spiego in volgar. Tutti xe arente alla so colonna (e), e anca mi me son rampegà (d). Cossa diseu, vita mia? Oggio fatto ben? (a Polonia)

Polonia. Mo quando, quando fareu giudizio?

Momolo. El mese de mai quando vienlo? (a) Zogattolo, vuol dir giocolino; ma qui significa, che non vuol esser preso per mano, e disprezzato. (b) Che fantasia? (e) Vuol dir che tutti sono vicmi alla persona che amano, (d) Rampicato, cioè acquistato.