Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/227

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

UNA DELLE ULTIME SERE DI CARNOVALE 217

Zamaria. Ma fe da omo.

Momolo. Se ho da far da omo, bisogna che me marida.

Zamaria. Maridève.

Momolo. Me mariderò, se sta cara zoggia me vol. (a Polonia)

Polonia. Sior sì: adesso, co sto poco de fondamento, ve sposerò!

Marta. Oh! via, le candele se brusa. Prencipiemo a ballar.

Zamaria. Siora sì, subito; ma avanti de prencipiar, putti, destrigheve, deve la man. (a Anzoletto e Domenica)

Anzoletto. Son qua, con tutta la consolazion.

Domenica. Son fora de mi dalla contentezza.

Anzoletto. Mario e muggier. (si danno la mano)

Bastian. Sior Anzoletto, novamente me ne consolo. Andè a bon viazo, e no ve desmenteghèa de nu.

Anzoletto. Cossa dìsela mai, caro sior Bastian? Mi scordarme de sto paese? Della mia adoratissima patria? Dei mii patroni? Dei mii cari amici? No xe questa la prima volta che vago; e sempre, dove son stà, ho porta el nome de Venezia scolpìo nel cuor; m’ho sempre recordà delle grazie, dei benefizi che ho recevesto; ho sempre desiderà de tornar; co son tornà, me xe sta sempre de consolazion. Ogni confronto che ho avù occasion de far, m’ha sempre fatto comparir più bello, più magnifico, più respettabile el mio paese; ogni volta che son tornà, ho scoverto delle bellezze maggior1; e cussì sarà anca sta volta, se ’l cielo me concederà de tornar. Confesso, e zuro su l’onor mio, che parto col cuor strazzà; che nissun allettamento, che nissuna fortuna, se ghe n’avesse, compenserà el despiaser de star lontan da chi me vol ben. Conservème el vostro amor, cari amici, el cielo ve benedissa, e ve lo digo de cuorb.

Marta. Via, no parlemo altro. No disè altro, che debotto me fe contaminar. Sior Zamaria, piencipiemo a ballar.

Zamaria. Un momento de tempo. La lassa che destriga un’altra piccola facendetta, e po son con ela. Madama. (chiamandola)

  1. Dimenticate.
  2. Complimento diretto al pubblico.
  1. Ed. Zatta: maggiori.