Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1915, XX.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



Libera. Oh! lustrissimo, no. Gh’aveva una flussion. So varia.

Isidoro. Cussi presto?

Libera. Da un momento all’altro.

Isidoro. Anca sì, che gieri deventada sorda per no dir...

Fortunato. Tissimo. (ad Isidoro)

Isidoro. Ho gusto che sia qua anca compare burataora (a). Son qua per dirve se marideressi Checchina.

Libera. Magari, lustrissimo! Me la destrigheria volentiera (è).

Fortunato. Mi, utissimo, gh’ho pomesso cento ucati (e).

Libera. E altri cinquanta ghe li averemo sunai (d).

Isidoro. E mi ghe farò aver una grazia de altri cinquanta.

Libera. Sielo benedetto! Gh’alo qualche partio?

Isidoro. Vardè: ve piaselo quel partio? (accenna Toffolo)

Fortunato. Toffao? Toffao? Catta bauffe, catta bauffe(e).

Toffolo. Mi no dago impazzo a nissun, co i me lassa stare...

Libera. Con un può’ de baitelo, come l’alo da mantegnire?

Toffolo. No metteroggio suso peota, no metteroggio?

Libera. E dove la menerastu, se no ti gh’ha ne tetto, ne ca(/)?

Fortunato. La ustu menare i baitelo la novizza a dormire?

Toffolo. Ve podè tegnire i cento ducati, ve podè tegnire, e farme le spese a mi e a mia muggiere.

Isidoro. Sì ben; noi dise mal, el gh’ha più giudizio che no cre- deva. Podè per qualche tempo tegnirlo in casa.

Libera. Mo per quanto, lustrissimo?

Isidoro. A conio de sii cento ducati, per quanto voressistu che i te fasse le spese?

Toffolo. No so; almanco siè anni.

Fortunato. Puffeta! puffeta! Siè anni? Puffeta!

Isidoro. Ti voressi ben spender poco.

Toffolo. Che la fazza eia, lustrissimo.

Isidoro. Via, per un anno ve comoda? (a Libera)

Libera. Cossa diseu, paron? (a Fortunato) (a) Che parla presto. (b) Mi leverei volentieri quest’imbarazzo, (e) Cento ducati, (d) Raccolti. (e) Toffolo? Toffolo? Che trova, che promove le baruffe. (/) Proverbio che spiega lo stato di un uomo povero.