Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA GELOSIA DI LINDORO 155


ATTO TERZO
SCENA PRIMA.
Don Roberto e Lindoro.

Lindoro. Come sperate, signor padrone, di poter scoprire la verità in mezzo a tante menzogne, a tante cabale, a tanti artifizi?

Roberto. Finora non abbiamo pensato alla cosa più necessaria, e dalla quale si doveva principiare. Non abbiamo pensato a sentire, ad interrogare, a costituire mio figlio.

Lindoro. Non dirà niente, o mentirà come gli altri1.

Roberto. C’è una maniera assai facile per iscoprire o dubitare almeno della segreta sua inclinazione. Sei ricusa di maritarsi, si può temere; s’egli sposa la vedova, non v’è niente che dire.

  1. Nell’ed. Zatta: gl’altri. E così, più sotto: degl’altri, gl’ho ecc.