Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/339

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BURLA RETROCESSA 333

Agapito. Bravissimo. Voi dunque ci darete tutto il bisogno. Ci darete quei piatti che parerà al vostro merito, e noi avremo l’onore di pagarvi a ragione di sei paoli per testa. Anderà bene così?

Oste. Tutto quello ch’ella comanda; ma a sei paoli a testa non vi può essere nè gran merito, nè gran fortuna.

Agapito. Eh! signor oste, me n’intendo anch’io qualche poco. Sei paoli a testa per un pranzo mediocre...

Oste. Bene, bene, come comanda.

Agapito. Animo dunque, andate, e portatevi bene.

Oste. Vado subito a ordinare, a disporre, a travagliare, a eseguire.

Agapito. Qualche piatto di gusto, qualche cosa di delicato.

Oste. Si lasci servire.

Agapito. Mi raccomando al merito.

Oste. Ella ha il merito di comandare; ed io avrò la fortuna di servirla. (parte)

SCENA VIII.
Agapito solo.

Non vorrei che costui avesse il merito di burlarci, e noi la disgrazia di essere maltrattati. Non mi fido delle sue cerimonie. Voglio andar io a vedere, a osservare, e ad assicurarmi. Giacchè ho pensato di far onore alla generosità di Gottardo, voglio almeno che i commensali siano contenti, e che gli facciano il ringraziamento coi fiocchi. (parte)

Fine dell’Atto Secondo.