Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/393

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 387

Cecilia. Via, da bravo, sior Lissandro.

Lissandro. Vorla che la fazza disnar con ella1?

Zanetto. Oh magari!

Lissandro. M’impegno che ancuoa la fazzo disnar co siora Cattina.

Zanetto. Oh caro! che siestu benedetto! (lo abbraccia) Tolè, ma de cuor. (lo bacia)

Cecilia. E vu ve podè tor sto impegno? (a Lissandro)

Lissandro. Siora sì, e ella ne farà grazia d’esser della compagnia.

Zanetto. Sì, cara ella.

Cecilia. Siora Cattina la cognosso solamente de nome, ne l’ho mai vista. In casa soa no son mai stada, e no me togo sta confidenza.

Lissandro. No vôi miga che andemo a disnar da sior Raimondo.

Cecilia. E dove donca?

Zanetto. Dove, dove? Diseme dove.

Lissandro. Da un mio amigo, da un certo sior Gasparo senser.

Cecilia. Oh sior Gasparo lo cognosso, el mario de siora Tonina. So chi el xe.

Lissandro. Ben donca, giusto élo...

Zanetto. Giusto éla2 (a Cecilia, ridendo)

Lissandro. El xe amigo, amigon de sior Raimondo. M’impegno mi de far andar ancuo sior Raimondo e so fia a disnar da sior Gasparo, e che ghe andemo anca nu, e che sior Zanetto staga arente3 de siora Cattina. (allegro)

Cecilia. Ma come fareu a combinar tutte ste cosse insieme? (a Lissandro)

Lissandro. La lassa far a mi. (a Cecilia)

Zanetto. Lassemolo far élo. (a Cecilia)

Lissandro. E la vegnirà anca éla. (a Cecilia)

  1. Oggi.
  1. Qui nell’ed. Zatta è stampato ella, ma quasi sempre troviamo ela. Il Goldoni ora cerca di conformarsi alla grafia italiana, ora se ne dimentica e segue, come tante volte abbiamo visto, la pronuncia dialettale veneziana. Così nell’ed. Zatta non si trova mai stampato ello (lui), bensì elo.
  2. Conserviamo qui la forma veneziana.
  3. Vicino: v. vol. II, p. 423, n. b ecc.