Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/397

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Cecilia. N’ è vero ? Son anca mi della stessa opinion.

Bortolo. Chi xela sta morosa de Zanetto ? La cognosseu ?

Cecilia. Saveu chi la xe? Siora Cattina, la fia de sior Raimondo...

Bortolo. Cossa, cossa ? Siora Cattina ?

Cecilia. Siora Cattina.

Bortolo. La fia de sior Raimondo ?

Cecilia. La fia de sior Raimondo.

Bortolo. La xe quella delle buccole.

Cecilia. Eh via !

Bortolo. Come diselo che la xe la so morosa ?

Cecilia. E1 s’ ha innamora giersera.

Bortolo. Oh che alocco ! El xe sta el ridicolo della conversazion.

Cecilia. Gh’ ave bon (o) donca vu con quella putta ?

Bortolo. Ve conterò. El sior Lissandro lo voi far disnar co sta putta ?

Cecilia. Sì ben, co so pare, in casa de sior Gasparo sanser O, e i voleva che ghe andasse anca mi ; ma mi no ghe anderò.

Bortolo. Andemoghe. Ghe vegnirò anca mi.

Cecilia. Mo no, caro vu, no me convien a mi...

Bortolo. Co ghe son mi, siora sì.

Cecilia. Ve cognosselo sior Raimondo ?

Bortolo. El me cognosse, ma noi sa gnente de quel che passa tra mi e la putta.

Cecilia. Che intenzion gh’aveu ?

Bortolo. Ve dirò. La xe fia sola, e so pare xe un omo ricco...

Cecilia. Perchè no ghe la feu domandar ?

Bortolo. Perchè voggio prima saver se la me voi ben.

Cecilia. No savè se la ve voi ben, e ghe volè dar le buccole ?

Bortolo. Giersera la ghe n’ ha rotto una al festin. Voi provar de darghele, e se la le tol, sarà segno che la me voi ben.

Cecilia. Come voleu che la toga le buccole ? Cossa dirave so pare? (a) Gh’avè bon, cioè siete bene con lei. (I) Sensale. Più sopra è stampato lenscr.