Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/397

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 391

Cecilia. N’è vero? Son anca mi della stessa opinion.

Bortolo. Chi xela sta morosa de Zanetto? La cognosseu?

Cecilia. Saveu chi la xe? Siora Cattina, la fia de sior Raimondo...

Bortolo. Cossa, cossa? Siora Cattina?

Cecilia. Siora Cattina.

Bortolo. La fia de sior Raimondo?

Cecilia. La fia de sior Raimondo.

Bortolo. La xe quella delle buccole.

Cecilia. Eh via!

Bortolo. Come diselo che la xe la so morosa?

Cecilia. El s’ha innamora giersera.

Bortolo. Oh che alocco! El xe sta el ridicolo della conversazion.

Cecilia. Gh’ave bona donca vu con quella putta?

Bortolo. Ve conterò. El sior Lissandro lo vol far disnar co sta putta?

Cecilia. Sì ben, co so pare, in casa de sior Gasparo sanser1, e i voleva che ghe andasse anca mi; ma mi no ghe anderò.

Bortolo. Andemoghe. Ghe vegnirò anca mi.

Cecilia. Mo no, caro vu, no me convien a mi...

Bortolo. Co ghe son mi, siora sì.

Cecilia. Ve cognosselo sior Raimondo?

Bortolo. El me cognosse, ma nol sa gnente de quel che passa tra mi e la putta.

Cecilia. Che intenzion gh’aveu?

Bortolo. Ve dirò. La xe fia sola, e so pare xe un omo ricco...

Cecilia. Perchè no ghe la feu domandar?

Bortolo. Perchè voggio prima saver se la me vol ben.

Cecilia. No savè se la ve vol ben, e ghe volè dar le buccole?

Bortolo. Giersera la ghe n’ha rotto una al festin. Vôi provar de darghele, e se la le tol, sarà segno che la me vol ben.

Cecilia. Come voleu che la toga le buccole? Cossa dirave so pare?

  1. Gh’avè bon, cioè siete bene con lei.
  1. Sensale. Più sopra è stampato senser.