Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/403

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



vostra mare me prega che ve lassa andar un zorno da eia ; gh’ ho promesso, gh’ ho dà parola, ancuo la ve aspetta.

Tonina. Ancuo la me aspetta ?

Gasparo. Siora sì, ancuo.

Tonina. Quando l’aveu vista mia mare ?

Gasparo. Stamattina.

Tonina. Sè sta da ella donca ?

Gasparo. Son sta da ella, seguro.

Tonina. Ho capio.

Gasparo. Cossa mo ?

Tonina. Ho caplo.

Gasparo. Ma cossa ?

Tonina. Accordi fatti, perchè vaga mi da mia mare, e vu do- ve volè.

Gasparo. In verità, Tonina, qualche volta sè bella.

Tonina. O bella, o brutta, se gh’avevi intenzion de trattarme cussi, me dovevi lassar dove che giera, che stava ben.

Gasparo. Con che sugo, con che proposito vegnìu fora co ste freddure ?

Tonina. Ancuo mo, giusto per questo, da mia mare no ghe voggio andar.

Gasparo. E sì bisognerà che gh’andè.

Tonina. Bisognerà che ghe vaga ?

Gasparo. Mi crederave de sì.

Tonina. Per che rason ?

Gasparo. Ve dirò, fia mia ; perchè la ve aspetta, perchè la v’ ha da far veder della tela che vorave comprar, perchè gh’ ho promesso che anderè, e perchè son un pochetto, un pochette patron de dirve che voggio che andè.

Tonina. Oh potenza de diana de dia O... (alzandosi con furia)

Gasparo. Zitto ! (a Tonina) Riosa. (chiamandola)

Riosa. Sior.

Gasparo. Porteghe la vesta e ’1 zendà alla vostra patrona, (a Riosa) (1) V. pag. 379 n. a.