Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/421

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO SECONDO.

SCENA PRIMA.

La stessa camera col tavolino medesimo.

LissANDRo solo, poi Giovani d’osteria.

Lissandro. (Apre colla chiave la porta solila della scala, ed entra e) chiude) Oh bella! oh bella da galantomo! Chi mai se podeva immaginar una cossa simile! Me vien in mente de far una chiassada per rider de sior Zanetto, e trovo che sior Bortolo xe innamora dasseno O de siora Cattina, che le buccole che ha compra siora Cecilia le xe destinade per eia, e che sior Bortolo voi vegnir anca elo a disnar. La cossa se fa seria, e squasi me despiase d’averme impegna. Ma ghe son, e no gh è più remedio. El disnar xe ordenà, xe invida sior Raimondo... (1) Da vero.