Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/422

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
416 ATTO SECONDO


No gh’è più remedio; lassemo correr. La sarà co la sarà. Semo de carneval. Se divertiremo alle spalle de quel caìa de sior Gasparo. Son contento almanco, che m’ho assicurà che el xe a disnar da sior Bernardin, e che so muggier xe da so mare. Ch’aveva i mii reverenti dubbi, ma adesso posso star col cuor quieto. Spero che i ne lasserà disnar con tutte le nostre comodità. El se la merita sto tegna1, el se la merita. Se vede ch’el l’ha fatto per avarizia. Gierelo impegna? bon viazo; el doveva, el giera in obligo de mandar a chiamar so muggier. (si sente a battere) I batte; chi è? Vedemo. (apre) (Tre o quattro Garzoni carichi di roba.)

Lissandro. Oh bravi! Ande là, andè in cusina, mette la roba in calda. Che xe del fogo, ghe xe dei fornelli, ghe xe carbon. Parecchiè la tola2 in tinello. Oe Menego. (verso l’appartamento) varda sti putti; dighe quel che i ha da far. E co vorremo che mettè su i risi3, ve aviseremo.

Garzoni. (Dicono di sì di tutto, ed entrano nell’appartamento.)

Lissandro. Andarò anca mi a dar un’occhiada in cusina, perchè me preme che sior Gasparo se fazza onor. Ma gh’ho sta roba in scarsella... la me intriga, e no vorave perder qualcossa. (tira fuori i suoi scrignetti) Se savesse dove metterli... qua, qua; li logheròa in sta cassetta. (li mette nella casselletta del tavolino) No vorave desmentegarmeli... Oh diavolo! pussibile che sia cussì storno4. I me li ricorderò. I batte. (va ad aprire)

SCENA II.
Raimondob, Cattina e detto.

Lissandro. Patroni, ben venuti, che le resta servide.

Raimondo. Oh el mi car sgnor5 Lissandro, bon dì a vossignori.

Lissandro. Bravo, sior Raimondo, brava, siora Cattina, cussì me

  1. Metter su i risi, cioè mettere a cuocere il riso, minestra ordinaria e comune de’ Veneziani.
  2. Raimondo parla bolognese.
  1. Avaro tignoso.
  2. Preparate la tavola.
  3. Logar, collocare.
  4. Qui significa sbadato e stupido.
  5. Nell’ed. Zatta è stampato signor.