Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/422

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



No gh’ è più remedio ; lassemo correr. La sarà co la sarà. Semo de carneval. Se divertiremo alle spalle de quel caia de sior Gasparo. Son contento almanco, che m’ho assicura che el xe a disnar da sior Bernardin, e che so muggier xe da so mare. Ch’aveva i mii reverenti dubbi, ma adesso posso star col cuor quieto. Spero che i ne lasserà disnar con tutte le nostre comodità. El se la merita sto legna (’^, el se la merita.) Se vede ch’el l’ ha fatto per avarizia. Gierelo impegna ? bon viazo ; el doveva, el giera in obligo de mandar a chiamar so muggier. (si sente a batlere) I batte ; chi è ? Vedemo. (apre) (Tre o quattro Qarzoni carichi di roba.)

Lissandro. Oh bravi ! Ande là, andè in cusina, mette la roba in calda. Che xe del fogo, ghe xe dei fornelli, ghe xe carbon. Parecchie la tola ^^^ in tinello. Oe Menego, (verso l’appartamento) varda sti putti; dighe quel che i ha da far. E co vorremo che mette su i risi (a), ve aviseremo.

Garzoni. (Dicono di sì di tutto, ed entrano nell’appartamento.)

Lissandro. Andare anca mi a dar un’occhiada in cusina, perchè me preme che sior Gasparo se fazza onor. Ma gh’ho sta roba in scarsella... la me intriga, e no vorave perder qualcossa. (tira) fuori i suoi scrignetti) Se savesse dove metterli... qua, qua ; li logherò (^^ in sta cassella. (// mette nella casselletta del tavolino) No vorave desmentegarmeli... Oh diavolo ! pussibile che sia cussi storno (’’’! me li ricorderò. I batte. (va ad aprire)

SCENA II.

Raimondo (i). Cattina e detto.

Lissandro. Patroni, ben venuti, che le resta servide.

Raimondo. Oh el mi car sgnor (^) Lissandro, bon dì a vossignori.

Lissandro. Bravo, sior Raimondo, brava, siora Cattina, cussi me (a) Metter su i risi, eroe mettere a cuocere il riso, minestra ordinaria e comune de’ Veneziani, (i) T^aimondo parla bolognese. (I) Avaro tignoso. (2) Preparale la tavola. (3) Logar, collocare. (4) Qui significa sbadato e stufiiJo. (5) Ne!!’ ed. Zatta è stampato signor.