Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/423

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



piase. No ghe posso dir quanta soddisfazion che gh’averà sior Gasparo e siora Tonina,,.

Cattina. Dove xela? LiSS ANDRO. Ghe dirò...

Raimondo. Dov’el el sior Gaspar ? Dov’el el mi car amigon ?

Lissandro. Ghe dirò. Sior Gasparo e siora Tonina i xe andai tutti do fora de casa per un interesse de gran premura, ma a momenti i sarà qua, e i m’ ha lassa mi a posta per rice- verle, e domandarghe scusa, e farghe compagnia fin che i vien. Le se comoda, le resta servide. (porta due sedie)

Cattina. Starali un pezzo a vegnir ? (siedono)

Lissandro. No i doverave tardar.

Cattina. Sarà debotto vint’ore.

Lissandro. No crederia gnancora.

Raimondo. (Quarda il suo orologio) Disnov’ e mezza.

Lissandro. Eh via, via, no gh’ è mal.

Cattina. Xe che nualtri semo avezzi a disnar tanto a bonora.

Lissandro. Gh’ala appetito, siora Cattina ?

Cattina. Ve dirò, me son levada un pochetto tardi ; tra vestirme, conzarme ^^\ e tra la pressa de vegnir via, no gh’ ho gnancora marendà stamattina.

Lissandro. Oe, se i starà un pezzo a vegnir, co sarà all’ordine, andaremo a tola senza de lori.

Raimondo. Mo sgnor no, da bon, ch’ an’ s’ ha (^) d’ andar a tavla s’ in vien.

Lissandro. (Oh se ghe anderemo senza de lori !) (da se) Perchè no xela vegnua in mascara, siora Cattina ?

Cattina. Oh, perchè in maschera ! Semo vegnui in barca. Son vegnua cussi come che stago per casa. Za co siora Tonina no gh’ ho suggizion.

Lissandro. Gossa disela ? Per diana, la xe pulita, che no se poi far de più. No ghe manca gnente.

Raimondo. L’ am fa (’’) da rider mi fiola. (riderìdo) (I) Acconciarmi: si dice per lo più dei cappelli. V. voi. XVIII, p. 310, n. I ecc. (2) Neir ed. Zalta è slampato cA’ n’s’ Aa ecc. (3) Nell’ed. Z!atla è slampalo /.a me /a ecc. //