Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/423

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 417


piase. No ghe posso dir quanta soddisfazion che gh’averà sior Gasparo e siora Tonina,,.

Cattina. Dove xela?

Lissandro. Ghe dirò...

Raimondo. Dov’el el sior Gaspar? Dov’el el mi car amigon?

Lissandro. Ghe dirò. Sior Gasparo e siora Tonina i xe andai tutti do fora de casa per un interesse de gran premura, ma a momenti i sarà qua, e i m’ha lassà mi a posta per riceverle, e domandarghe scusa, e farghe compagnia fin che i vien. Le se comoda, le resta servide. (porta due sedie)

Cattina. Starali un pezzo a vegnir? (siedono)

Lissandro. No i doverave tardar.

Cattina. Sarà debotto vint’ore.

Lissandro. No crederia gnancora.

Raimondo. (Guarda il suo orologio) Disnov’e mezza.

Lissandro. Eh via, via, no gh’è mal.

Cattina. Xe che nualtri semo avezzi a disnar tanto a bonora.

Lissandro. Gh’ala appetito, siora Cattina?

Cattina. Ve dirò, me son levada un pochetto tardi; tra vestirme, conzarme1 e tra la pressa de vegnir via, no gh’ho gnancora marendà stamattina.

Lissandro. Oe, se i starà un pezzo a vegnir, co sarà all’ordine, andaremo a tola senza de lori.

Raimondo. Mo sgnor no, da bon, ch’an’s’ha2 d’andar a tavla s’in vien.

Lissandro. (Oh se ghe anderemo senza de lori!) (da se) Perchè no xela vegnua in mascara, siora Cattina?

Cattina. Oh, perchè in maschera! Semo vegnui in barca. Son vegnua cussì come che stago per casa. Za co siora Tonina no gh’ho suggizion.

Lissandro. Cossa disela? Per diana, la xe pulita, che no se pol far de più. No ghe manca gnente.

Raimondo. L’am fa3 da rider mi fiola. (ridendo)

  1. Acconciarmi: si dice per lo più dei cappelli. V. vol. XVIII, p. 310, n. I ecc.
  2. Nell’ed. Zatta è stampato ch’n’s’ha ecc.
  3. Nell’ed. Zatta è stampato La me fa ecc.