Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/424

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lissandro. Per cossa ?

Cattina. Cossa ghe fazzo <’) da rider ?

Raimondo. L’ ha chiappa anch’ Il sta bell’usanza. L’ ha semper el mattezz de dir che l’ è vestida come che la va per cà.

Cattina. Oh vardè che gran cosse! Gessa xelo sto strazze de abito?

Raimondo. Ah ! cossa disiv ^^^ ! la ghe dis un strazz ! (a LissanJro)

Lissandro. No, no, siora Cattina. L’assicuro che la xe vestia pulitissimo. El xe un abitin de bon gusto.

Cattina. Ve piaselo ? (guardandosi ed accomodandosi)

Lissandro. El me piase infinitamente.

Cattina. Me l’ ho scielto mi sto raso. (come sopra)

Lissandro. Brava, pulito (^l)

Raimondo. Quant credi mo ch’el gh’ durerà ? (a Lissandro)

Cattina. Oh che songio una strapazzona ("’) ?

Raimondo. Ancù, per esempi, a n’ jera sta necessità da metterà st’abitin per vgnir a disnar con d’ i amigh de confidenza.

Cattina. Mo za, elo el vorave sempre che andasse co fa una massèra ^^\

Lissandro. Eh ancuo no l’ ha fatto mal a vestirse, perchè a disnar ghe sarà qualchedun. (a T^aimondo)

Raimondo. Gmod ? Ai sarà dia zent a disnar ? Mo ne m’ avi (^) miga dit sta cossa.

Cattina. (El gh’ ha paura che la zente i me magna). (da sè)

Lissandro. No gh’ha miga da esser un gran invido. La vederà, la vederà, no la se toga suggizion.

Raimondo. Mo s’ a saveva csì an’ i vgniva miga, vedi. An vui ch’ i diga che la mi fiola...

Lissandro. La me perdona, sior Raimondo, la l’ ha pur menada giersera al festin.

Raimondo. L’ è veira, ma li è sta mi cugnà ch’ m’ ha fatt sta bassetta ^^\ La n’ ha invida a magnar una turta a la bulgnes ; (I) Nell’ed. Zalta è stampato per errore faccio. (2) Nell’ed. Zatta disia. (3) Bene, proprio bene, ben adatto. V. voi. XVI, p. 113, n. 2 ecc. (4) Sciupona, trascurata. (5) Come una serva. (6) Cosi il testo dello Zatta. Forse è da correggere : Mo an m’ avi ecc. (7) Significa scherzo, tiro.