Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/424

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
418 ATTO SECONDO

Lissandro. Per cossa?

Cattina. Cossa ghe fazzo1 da rider?

Raimondo. L’ha chiappa anch’lì sta bell’usanza. L’ha semper el mattezz de dir che l’è vestida come che la va per cà.

Cattina. Oh vardè che gran cosse! Cossa xelo sto strazzo de abito?

Raimondo. Ah! cossa disiv2! la ghe dis un strazz! (a Lissandro)

Lissandro. No, no, siora Cattina. L’assicuro che la xe vestia pulitissimo. El xe un abitin de bon gusto.

Cattina. Ve piaselo? (guardandosi ed accomodandosi)

Lissandro. El me piase infinitamente.

Cattina. Me l’ho scielto mi sto raso. (come sopra)

Lissandro. Brava, pulito3.

Raimondo. Quant credì mo ch’el gh’durerà? (a Lissandro)

Cattina. Oh che songio una strapazzona4?

Raimondo. Ancù, per esempi, a n’jera sta necessità da metterà st’abitin per vgnir a disnar con d’i amigh de confidenza.

Cattina. Mo za, elo el vorave sempre che andasse co fa una massèra5.

Lissandro. Eh ancuo no l’ha fatto mal a vestirse, perchè a disnar ghe sarà qualchedun. (a Taimondo)

Raimondo. Cmod? Ai sarà dia zent a disnar? Mo ne m’avi6 miga dit sta cossa.

Cattina. (El gh’ha paura che la zente i me magna). (da sè)

Lissandro. No gh’ha miga da esser un gran invido. La vederà, la vederà, no la se toga suggizion.

Raimondo. Mo s’a saveva csì an’i vgniva miga, vedi. An vui ch’i diga che la mi fiola...

Lissandro. La me perdona, sior Raimondo, la l’ha pur menada giersera al festin.

Raimondo. L’è veira, ma li è sta mi cugnà ch’m’ha fatt sta bassetta7. La n’ha invida a magnar una turta a la bulgnes;

  1. Nell’ed. Zatta è stampato per errore faccio.
  2. Nell’ed. Zatta disiu.
  3. Bene, proprio bene, ben adatto. V. vol. XVI, p. 113, n. 2 ecc.
  4. Sciupona, trascurata.
  5. Come una serva.
  6. Così il testo dello Zatta. Forse è da correggere: Mo an m’avì ecc.
  7. Significa scherzo, tiro.