Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/447

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CHI LA FA L'ASPETTA 441

Tonina. Ave fatto un gran disnar ancuo? se sente dei gran odori.

Oste. Odori e saori. Cossa disela? (ridendo)

Tonina. Mi ve digo che sto fumo per casa no me piase gnente.

Oste. Bisogna ch’el so camin fazza fumo.

Tonina. Se l’ho fatto scoar che no xe quattro zorni.

Gasparo. A monte sti pettegolezzi. (a Tonino) Cossa me comanda sior paron Menego?

Oste. Prima de tutto, ghe torno a dir, me preme de saver se i mi paroni, se i mi avventori xe contenti de mi. Gh’ha piasso, xela resta contenta stamattina?

Gasparo. De cossa?

Oste. De cossa? De tutto; del disnar che gh’ho fatto.

Tonina. Disnar?

Gasparo. Sior paron, vu me tolè in fallo.

Oste. No xela ella sior Gasparo sanser?

Gasparo. Son mi seguro.

Tonina. (Sentimo mo!) (da sè)

Oste. E po cossa serve, ho servio in sta casa, e s’ha magnà in sto tinello.

Tonina. Quando? (con ansietà)

Oste. Ancuo.

Tonina. Ah! questo xe l’odor che sentiva. (a Gasparo, con sdegno)

Gasparo. Mi ve digo, sior, che no so gnente, e che me maraveggio de vu.

Oste. E mi ghe digo, patron, che me maraveggio de ella, che ho parecchià qua in sta casa per sette persone...

Tonina. Sette persone? (all’Oste)

Oste. Siora sì, sette persone, a un zecchin per testa.

Tonina. Una bagatella? ghe giera donne? (con furia all’Oste)

Gasparo. Quieteve, perchè quello xe un pezzo de matto. (a Tonina)

Tonina. Ghe giera donne? (con più furia all’Oste)

Oste. Mi no so chi ghe fusse, ma i m’ha dito i mi omeni che ghe giera quattro omeni e tre donne.

Tonina. Tre donne! (contro Gasparo fieramente) L’ho dito; l’ho scoverto: sior Bernardin ah! El sior diavolo che ve porta.