Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1922, XXI.djvu/471

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Lissandro. Oh via, no femo chiaccole.

Cecilia. Oh, se no me de el tabarro e la bauta, no ghavè el cappello. LIS.SANDRO. Eh sangue de diana! Che la sia come esser se voggia. Ghe semo, stemoghe, animo, (si cava il iabarw e la bautta) La toga, la me daga el cappello, e divertimose, e ballemo, che ballerò anca mi.

Cecilia. Bravo ! Cussi me piase. (gli dà il cappello, prende la bautta) e il tabarro, e lo dà alla scena.

Tonina. (Dopo aver fatto il giro delle maschere, arriva vicina a Qasparo) E cussi, siora maschera, se poi saver...

Gasparo. (Ride.)

Tonina. Oh siestu malignazzo ! (’) Adesso ho capio. (lo conosce) Senza dirme gnente ! (piano a Gasparo)

Gasparo. Tasè ; no disè gnente a Lissandro. (piano a Tonino)

Tonina. Patroni, adesso ho savesto tutto, (alla compagnia) Mio mario, senza dirme gnente, l’ ha impresta el portego a questi che ne sta dessora (2), e i xe qua tra de lori che i se diverte in fameggia.

Cecilia. Se pèttela (a). (a Tonino)

Tonina. La tasa che ghe conterò. (piano a Cecilia, urtandola)

Lissandro. E noi gh’ ha dito gnente sior Gasparo ? (a Tonino)

Tonina. Cossa diseu ? Noi m’ ha dito gnente. Ma col vien a casa, el me sentirà. (affettando d’esser in collera)

Lissandro. (Vorave squasi che noi vegnisse). (da sè)

Raimondo. Anim, Catterina, andem. (risoluto)

Cattina. Sia malignazzo ! (mortificata)

Tonina. La vuol andar via? (si accosta pian piano a Raimondo)

Raimondo. An vai ^^) ch’ resta qua la mi fiola con de la zent ch’an se cognoss.

Tonina. (La tasa, che la xe una burla de mio mario). (piano a Raimondo) (a) Frase bassa, il di cui significato è : V immaginate che lo crediamo. (4) (I) Letteralmente significa 5» maleJello!, ma si dice bonariamente, scherzando. Vedi voi. XVIII, p. 390, n. g. (2) Di sopra. (3) Neil’ ed. Zatta è stampato An uoì ; e lo stesso strano errore si ripete nelle altre edizioni. Nel dialetto bolognese si direbbe propriamente : An oòi. Anche il prof. Landozzi nella sua traduzione italiana (Florilegio drammatico, n. 676 :) vedi Nola slorica) interpreta: Non voglio. (4) Interrogativo. Manca nel Bocrio. ( ()