Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1923, XXII.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
298


1867, 8 aprile, nello stesso teatro. Ai comici del Meynadier s’era unito il settantaquattrenne Joseph Isidor Sarason, già illustre attore del Théâtre français. Il ricavato era devoluto al monumento al Goldoni in Firenze. Eccetto Luigi Capuana, relatore della Nazione, che invece di entrare in merito dell’esecuzione, fece la storia del lavoro, gli altri pur sotto forme cortesi non risparmiarono critiche al venerando attore e, tolta Maria Laugier (Angélique), agli altri, tra i quali la Desclée (M.me Dalancour). Il relatore della Gazzetta d’Italia (Firenze, 10 aprile 1867) disse male anche della commedia.

RECITE DEL "BURBERO BENEFICO" IN ITALIA E FUORI
(si tien conto di recite particolarmente notevoli).

1772, carnevale, al Teatro Sant’Angelo di Venezia, compagnia Lapy. Recitata "con invidiabile incontro" assicura Domenico Caminer, padre di Elisabetta, traduttrice, nel Quotidiano Veneto, n. 268 del 1802. (Spogli di Giuseppe Ortolani).

1815, 21 novembre, Venezia, Compagnia con Vestri e la Pellandi. Luigi Vestri, il principe de’ nostri caratteristi, fu anche del Burbero goldoniano interprete insuperato. "Meglio che dai correttissimi attori del gran Teatro parigino recitavasi il Burbero dall’unico e non dimenticabile Vestri" scrisse il Tommaseo (Il serio nel faceto, Firenze, 1868, p. 119). Come lo recitasse si legge nella Biografia scritta da F. Scifoni (Firenze, ottobre 1841, pag. 22): "Pensino [quelli tra i nostri figli che avranno senso di comic’arte] veder uscire in scena un uomo che è già sul calare degli anni, ma di robusta vecchiezza; accigliato, fiero, risoluto; pronto a correre a termini estremi per la bile che in lui spesso commuovesi; pronto a intenerirsi sulle sciagure d’un infelice; pronto perfino a prorompere in pianto, ma che nessuno il vegga, che nessuno s’accorga della pietà sua, e tutte queste difficili condizioni credano fossero squisitamente rappresentate da lui nel B. b. "Con questa commedia il 7 aprile 1817 il Vestri inaugurò il Teatro Goldoni di Firenze. Un opuscolo d’occasione serba quest’avviso frammentario di tale recita:

"L’Impresa... coerente al Manifesto... antecedentemente esposto, nella sera di lunedì 7 aprile corr. (1817) aprirà il detto Teatro coi due promessi spettacoli di Comica e Ballo... Luigi Vestri conduttore della Comica Compagnia unitamente ad Angelo Venier suo socio.... esporrà sulla scena una delle migliori e più vive produzioni intitolata

IL BURBERO BENEFICO


che verrà con tutto l’impegno sostenuta dai suoi qui sotto notati attori.... (Descrizione delle pitture ed altre particolarità dell’i. e r. Teatro Goldoni nella parte meridionale della Città di Firenze... 1817). "Il nome del signor Vestri è tale che non si può disgiungere da quello del Goldoni, del quale se si fosse potuto evocar l’ombra onde assistere alla recita del Burbero benefico, avrebbe esclamato Ecco il mio attore..." (La Gazzetta di Firenze, 3 giugno 1817). Il 15 ottobre 1824 al S. Benedetto di Venezia August von Platen, poco tenero del Goldoni, vide il Burbero col Vestri e annotò nei suoi Diari (Tagebücher, Stuttgart, 1900, voi. Il, p. 706): "Vestri che faceva il Barbaro (!) è un attore che non ha l’eguale. Non può mostrarsi senza venir