Pagina:Gozzi - La Marfisa bizzarra.djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
10 la marfisa bizzarra

scherzevoli a un tratto e col piú fino sapore. Non aneleranno soggetti mai alla sventura dell’oblivione, quantunque appunto pel loro sostenuto sublime riescano oscuretti appresso quella vergognosa ignoranza, dall’autore con somma ragione sferzata in parecchi grandi. Tuttoché que’ due poemetti sieno scritti in uno stile totalmente diverso da quello della Marfisa, sono però appoggiati alle viste medesime e a’ medesimi principi di questa. L’ho terminata con due canti, seguendo il filo degli altri dieci e quell’ossatura da sett’anni apparecchiata, fatto coraggioso dal felice accoglimento dato dal pubblico alla benemerita sferza del Mattino e del Mezzogiorno. Sappiasi ch’io mi vanto solo d’essere confratello nelle massime dello scrittore di que’ due poemetti venerabili, ma sappiasi ancora ch’io mi confesso architetto infelice d’una fabbrica umile e di simmetria diversa affatto da quella del suo nobilissimo edifizio. Non incresce all’umanitá di passar talora da un adornato palagio ad una semplice casipola villereccia, in traccia di quella varietá che suol cagionare il divertimento. La Marfisa è un poema giocoso e d’uno stile scopertamente famigliare. Molti fattarelli cavati dal mio Turpino, che la riempiono, servono di pretesti a porre in circostanza le dame, i cavalieri, l’arme e gli amori; e dalla circostanza pullula quella satira sul costume, alla quale chiedo la benedizione dal cielo. Alle due consuete sciagure degli altri libri anderá sottoposta la Marfisa. Se una è quella di non essere né letta né badata, l’altra è quella della critica. Mi rincrescerebbe alquanto piú la prima della seconda, ma né l’una né l’altra potrá vantarsi d’aver turbata la mia pace. Per entro al poema credo d’aver assai espressa la mia ostinazione di voler usare i colorí dello stile de’ nostri antichi piacevoli, a me amicissimi e carissimi. Quante bellezze, d’indole però diversa, non adornano Il mattino e Il mezzogiorno, per aver il loro scrittore bevuto alla fonte degli antichi poeti! Se i miei critici vorranno tentare di darmi alcun dispiacere, gli avverto fraternamente di censurar la Marfisa in tutte le sue parti, ma non mai in quella degli anacronismi de’ quali è sparsa, perché mi faranno piú ridere che arrabbiare e non averanno il loro intento. Ho voluto che